Hai intenzione di coltivare pomodori nel tuo orto? Ottima iniziativa. Non c’è niente di più soddisfacente che guardare questi piccoli frutti crescere giorno dopo giorno e maturare lentamente. Ma devo avvertirvi che questa coltura è piuttosto delicata: purtroppo i pomodori a volte sono vittime del marciume apicale. Senza preavviso, alcuni di loro possono rivelare macchie nere sul ventre. Sì, mi fa male il cuore vedere che stanno marcendo prima del tempo. Naturalmente sarà necessario eliminare gli anelli deboli, ma il raccolto non sarà compromesso. Segui i nostri consigli per prevenire la putrefazione dei fiori e raccogliere pomodori rossi belli e sani.

Cosa causa il marciume apicale (o necrosi apicale) nei pomodori?

Pomodori affetti da marciume apicale
Prima di tutto, devi sapere che la causa del marciume apicale nei pomodori non è dovuta a infezioni di insetti o malattie. Infatti, meglio conosciuto come “culo nero”, questo problema deriva principalmente dalla mancanza di calcio causata dalla siccità. Tuttavia, le piante di pomodoro necessitano necessariamente di calcio in tutte le fasi della loro crescita attiva, dalle radici ai frutti. E questo minerale viene trasportato da un luogo all’altro via acqua. Purtroppo nei periodi di siccità, quando l’acqua scarseggia, il calcio non circola più liberamente e questo porta al marciume apicale. Se hai mai letto qualcosa su questo fenomeno, probabilmente hai sentito parlare di rimedi casalinghi che si ritiene aumentino il calcio, come piantare pomodori con compresse antiacidi o spargere gusci d’uovo nei buchi. Certamente, anche se non sono inutili e non danneggeranno le vostre piante, non sono nemmeno miracolosi ed è improbabile che facciano davvero la differenza. In realtà è soprattutto la mancanza di acqua a rappresentare un problema e ad impedire al calcio di raggiungere il frutto. La cosa migliore sarebbe quindi analizzare il terreno per verificare se c’è un deficit di calcio o di altri nutrienti essenziali. Buono a sapersi  : i primi pomodori della stagione sono i più sensibili e necessitano di più calcio per la loro crescita. Man mano che la pianta sposta il calcio dalle sue radici, gli steli e le foglie lo utilizzeranno per primi. Ciò significa che non ne rimarrà abbastanza per i frutti che maturano. Ciò può quindi portare a un marciume nero e pastoso della punta del fiore.

Come prevenire ed evitare il “culo nero” dei pomodori?

È importante capire che il “fondo nero” è il risultato dello stress idrico che colpisce fortemente i pomodori. O per eccesso d’acqua o al contrario per siccità. Fortunatamente, la buona notizia è che il marciume apicale non è una malattia di per sé che rovinerà necessariamente l’intero raccolto. Fondamentalmente non è contagioso: quindi un pomodoro sintomatico non contaminerà i suoi vicini. È quindi inutile usare fungicidi chimici, non risolverà assolutamente nulla. L’unica soluzione sarebbe ottenere un’umidità del terreno costante. Stai cercando modi efficaci per prevenire questo brutto marciume?  Ecco 4 consigli da seguire attentamente:

1. Mantenere le piante di pomodoro ben irrigate

Innaffia i pomodori
Per garantire che  i tuoi pomodori  fioriscano e crescano meglio, i giardinieri esperti consigliano di applicare in media 1 litro d’acqua al giorno per pianta di pomodoro. Un tubo flessibile o un annaffiatoio andranno bene. Questo apporto idrico è maggiormente necessario quando si coltivano i pomodori in contenitore, dove tendono a seccarsi più rapidamente. Suggerimento:  per evitare malattie fogliari, evitare di bagnare il fogliame durante l’irrigazione. Naturalmente non potrai evitare che la pioggia bagni l’intera pianta, ma ciò rischia di diffondere malattie. Idealmente, più si mantengono le foglie asciutte, meglio è.

2. Aggiungi il pacciame attorno alle piante di pomodoro

Una soluzione efficace di prevenzione? Distribuisci uno strato di pacciame organico spesso 2 pollici attorno alla base delle tue piante. Aiuterà il terreno a trattenere più umidità, per evitare un rapido essiccamento tra un’irrigazione o una pioggia. Come bonus, il pacciame aiuta anche a soffocare le erbacce. In alternativa, anche paglia, erba tagliata, foglie tritate o corteccia sminuzzata sono materiali che funzionano benissimo.

3. Non fertilizzare eccessivamente!

Aggiungi fertilizzante
Attenzione: un eccesso di fertilizzante rischia di far crescere le piante più velocemente senza avere il tempo di far circolare correttamente il calcio per una crescita sana. E tieni presente che una rapida crescita può portare al marciume dei fiori. Infine, il modo migliore per aumentare i nutrienti del suolo sarebbe quello di aggiungere uno strato di compost ben decomposto (spessore 2 pollici) al terreno prima della semina primaverile. Il compost rilascerà lentamente i nutrienti e allo stesso tempo migliorerà la struttura del terreno. NB: applicare  il fertilizzante solo  se consigliato da un test del terreno e assicurarsi di seguire esattamente le istruzioni sull’etichetta.

4. Prenditi cura delle radici

Scopri che le radici sono essenziali per assorbire il calcio che previene la putrefazione delle estremità dei fiori. Evita quindi di disturbare la zona radicale della pianta di pomodoro in modo che possa assorbire quanto più calcio possibile. Ad esempio, non scavare nella zona delle radici di una pianta e tenere  lontane le erbacce  con uno strato di pacciame.

Domande frequenti

Perché i miei pomodori marciscono dal basso?

Le cause di queste macchie scure sul fondo dei pomodori derivano solitamente dalla mancanza di calcio nel terreno o da uno scarso sviluppo delle radici. Quest’ultima è spesso dovuta ad annaffiature non corrette (eccesso d’acqua o, al contrario, mancanza d’acqua).

Come fornire calcio ai pomodori?

La carenza di calcio è un problema comune nei nostri frutteti. Per alleviare questo deficit, devi prima sapere come le piante assorbono il calcio dal terreno. Quest’ultimo contiene molteplici composti minerali (insolubili per le piante), come silicati, carbonati o fosfati. Per compensare la carenza di calcio nelle vostre piante, esistono diversi metodi semplici ed economici da applicare.

Guscio d’uovo

Questa tecnica è sicuramente la più comune: consiste nello schiacciare un guscio d’uovo e seppellirlo nel terreno dove si prevede di seminare la pianta. In questo modo si avrà un apporto di calcio al terreno, anche se minimo, poiché aggiunto in forma poco solubile per le piante. Idealmente, se il terreno ha un pH leggermente acido, il guscio si decomporrà meglio. Altrimenti è anche possibile lasciarlo macerare in un acido debole, come l’aceto, per rilasciare più calcio.

Ossido di calcio

Se il vostro terreno è un po’ basico, sarà già ricco di sali minerali che conterranno calcio. Ma se noti problemi di assorbimento, è probabile che il calcio nel terreno non sia in forma solubile per le tue piante. In tal caso, è meglio aggiungere ossido di calcio al terreno.

Latte

Altra tecnica efficace: poiché il latte è ricco di calcio, potete approfittarne per diluire un bicchiere in 1 L d’acqua e spruzzarlo sulla pianta. È anche possibile spargere il latte in polvere direttamente sul terreno o sulle foglie. Basteranno pochi grammi ogni due settimane per fornire abbastanza calcio alle piante.

Come eliminare la peronospora dai pomodori?

La peronospora è la rovina dei pomodori. Questa malattia crittogamica, causata da funghi, purtroppo provoca il marciume delle piante di pomodoro. Per prevenire e controllare  la peronospora nella coltivazione del pomodoro, in agricoltura vengono spesso utilizzati sistemi di ozono. L’ozono, infatti, ha la capacità di impedire la crescita di microrganismi patogeni, come i funghi responsabili delle muffe nelle parti aeree delle piante. A contatto con l’ozono i parassiti si seccano rapidamente. Come applicarlo? Diverse possibilità: mediante irrigazione con acqua ozonizzata, mediante trattamento fogliare o mediante nebulizzazione. L’uso dell’ozono serve non solo a controllare la malattia, ma anche a disinfettare il substrato e la pianta da eventuali residui chimici in modo che le radici siano ben ossigenate (l’ozono si decompone in ossigeno). In questo modo la pianta crescerà più sana e vigorosa. Inoltre, tieni presente che l’ozono ha qualità curative che permettono di chiudere tagli e crepe prodotti durante la coltivazi
Copy