Press ESC to close

Cattivo odore in lavatrice: i nostri 3 consigli per risolverlo

Una volta lavato correttamente, il bucato esce dalla lavatrice pulito e immacolato. Ma nel frattempo, dove va a finire tutta la sporcizia? Non pensare che la tua macchina sia autopulente allo stesso tempo. È ovvio che i residui sono incorporati in tutto l’involucro del dispositivo. A ciò si aggiungono residui di detersivo, depositi di calcare e muffa subdola difficile da rimuovere. Almeno, se non conduci un colloquio adeguato. Scopri come risolvere questo problema una volta per tutte.

Perché la lavatrice ha un cattivo odore?

Non c’è nessun segreto: un ambiente umido e caldo come l’interno della lavatrice è una vera calamita per batteri e muffe. Questa è una regola da ricordare. Che sia nel cestello stesso, nello scomparto della biancheria o nel filtro lanugine, queste piccole creature si intrufolano ovunque. Ma questi ospiti indesiderati non sono gli unici a diffondere gli odori indelicati. Anche l’acqua sporca e stagnante può accentuare questi odori fastidiosi.

Come si pulisce una lavatrice puzzolente?

Fortunatamente, ci sono alcuni modi naturali, ma pratici, per sbarazzarsi di quei temuti odori che puzzano il tuo elettrodomestico e si impregnano nel bucato. Eccone alcune.

  • Riso

Una ciotola piena di riso

Molte persone non hanno idea del potenziale dolcificante dell’amido nel riso. Tuttavia, è di grande aiuto per il risciacquo: ammorbidisce i tessuti e dona loro una bella lucentezza. Non c’è da stupirsi, tra l’altro, che l’acqua di riso sia popolare nelle maschere per capelli. Inoltre, il riso è anche noto per assorbire l’umidità e i cattivi odori. Questa è una buona cosa, dal momento che i nostri vestiti sono spesso intrisi di forti odori di frittura o tabacco! Aspetta, anche per le macchie di sudore difficili da rimuovere, il riso ne farà solo un morso. Puoi anche contare su di esso per bandire quella muffa  che spesso si attacca alla gomma del tamburo.

Comment faire ?

  1. Mettez une poignée de grains de riz dans un sac en coton ou une bande de gaze que vous plongerez à l’intérieur de la machine.
  2. Ajoutez aussi quelques gouttes d’huile essentielle (lavande de préférence) pour apporter une touche parfumée.
  3. Démarrez ensuite un cycle à 30°C.

Et voilà, le tour est joué : à la sortie, votre linge n’aura jamais été aussi propre et frais !

  • Le vinaigre blanc

Bien que la machine pompe l’eau après le cycle de lavage, il reste souvent beaucoup d’humidité. Difficile à détecter, elle s’immisce dans les joints en caoutchouc, le filtre à peluches, le tiroir à lessive ou encore dans le fond de l’appareil. Et elle attire irrémédiablement les bactéries et les moisissures, qui se combinent alors aux dépôts de calcaire et aux résidus de lessive. Résultat : les odeurs étouffantes se forment et gâchent le lavage de vos vêtements. Mais, pour lutter contre ce fléau, il y a un produit naturel dont les effets sont inégalables.  Le vinaigre  blanc, bien entendu. Cet antibactérien puissant va éliminer les mauvaises odeurs en un rien de temps !

Comment faire ?

  1. Versez une demi-tasse de vinaigre blanc dans le bac à lessive et programmez un cycle de lavage normal à vide à une température de 30°C  ou plus.
  2. Il reste encore un peu de saleté ? L’odeur désagréable ne s’est pas complètement dissipée ? Dans ce cas, répétez à nouveau le même processus, mais cette fois rajoutez une tasse d’eau de Javel (celle que vous utilisez pour laver les vêtements).
  3. Enfin, après avoir désinfecté la machine, assurez-vous de laisser la porte du tambour ouverte. C’est le meilleur moyen d’aérer correctement l’appareil et de chasser définitivement la senteur désagréable.
  • Le citron

Limone in lavatrice

Il calcare è un nemico formidabile per tutti gli apparecchi elettrici che utilizzano l’acqua. Se vivete in una zona dove l’acqua è particolarmente dura, sapete di cosa stiamo parlando.  Per rimuovere il calcare dalla lavatrice, è necessario familiarizzare un po’ con le basi di questo problema. Poiché il calcare è una sostanza alcalina, per neutralizzarlo, l’aggiunta di un acido debole alla macchina aiuterà ad abbassare il pH. Naturalmente, ci sono molti prodotti sul mercato che possono semplificarti il lavoro. Ma di solito sono costosi e chimici. Stai cercando un’alternativa naturale? Il limone è la soluzione perfetta. Le sue proprietà disinfettanti, anticalcare e anticalcare faranno al caso vostro!

Come fare?

Tutto quello che devi fare è versare una tazza abbondante di succo di limone nel vassoio del bucato ed eseguire un ciclo di lavaggio sottovuoto (senza panno) a 30°C o superiore. Non solo i depositi di calcare non saranno più un problema, ma potrai anche dire addio a muffe e cattivi odori.

Con quale frequenza dovresti pulire la lavatrice?

In effetti, tutto dipende dalle tue abitudini di lavaggio. Se tendi a utilizzare prodotti naturali e a base vegetale, il risciacquo è spesso più pulito. Di conseguenza, la tua macchina è meno soggetta a residui di sporco e muffe. A questo punto, è possibile eseguire una pulizia profonda fino a una volta all’anno. D’altra parte, se si utilizzano regolarmente detersivi a base di petrolio, ammorbidenti chimici o prodotti profumati, si consiglia vivamente di pulire il dispositivo più spesso, ogni tre-sei mesi.

Poi, naturalmente, sta a te giudicare in base ai tuoi sentimenti. Se noti che i tuoi vestiti si macchiano dopo un normale lavaggio o se senti un odore ricorrente di muffa, non esitare a pulire la macchina più spesso. A maggior ragione se noti chiaramente la presenza di muffa: è pericolosa per la tua salute, quindi non trascurare mai questo problema.

Copy