Se le tue finestre sono piene di condensa, non lasciare che la situazione si trascini. Tutta la tua casa potrebbe essere bruciata. Ecco come sbarazzartene facilmente.

Dopo un inizio di settembre caldo, comincia a farsi sentire il clima autunnale più fresco. Anche se vogliamo goderci il sole ancora un po’, il tempo freddo e umido si avvicina. Man mano che l’aria esterna diventa più fredda, aumenta il rischio che le finestre siano coperte di condensa. La condensa si forma quando l’aria calda all’interno della casa entra in contatto con la superficie fredda delle finestre. Anche se di per sé è innocuo, può portare alla crescita di muffe.

La muffa può causare problemi di salute come allergie, asma e altri problemi respiratori. È quindi fondamentale affrontare i problemi di condensa non appena si presentano. Ma cosa puoi fare per evitare la condensa questo autunno? Se noti della condensa sulle finestre, non significa necessariamente che devi cambiare i vetri. Qualsiasi finestra può accumulare condensa e non c’è molto che puoi fare per evitare che l’umidità dell’aria si depositi sulle finestre, perché anche la respirazione crea umidità.

Ventilazione:  aprire le finestre in autunno o in inverno può non sembrare piacevole, ma può essere essenziale per garantire una buona circolazione dell’aria in casa e consentire all’aria umida di fuoriuscire. Se la tua casa è soggetta a condensa, umidità o muffe, la cosa migliore che puoi fare è cercare di migliorare la ventilazione interna. Prova ad aprire regolarmente le finestre per consentire all’aria di circolare liberamente e all’umidità di evaporare. Anche i sistemi di ventilazione come gli aspiratori possono aiutare a ridurre significativamente la formazione di condensa in casa.

Umidità: ridurre l’umidità in casa può avere un impatto notevole e il modo migliore per farlo è rivedere come asciughi i vestiti in inverno. Stendere il bucato in aree ben ventilate anziché in stanze calde può aiutare a prevenire muffe e funghi. Assicurati inoltre che l’asciugatrice sia ben ventilata verso l’esterno. Altri modi per ridurre l’umidità in casa possono includere lo spostamento delle piante d’appartamento in aree meno umide o la loro rimozione completa e l’aggiornamento degli estrattori d’aria nel bagno e nella cucina per renderli più efficaci.

Isolamento:  si consiglia di dotare la propria casa di finestre con doppi vetri, isolamento delle pareti e sigillatura delle fessure, poiché ciò può anche avere un impatto positivo sui problemi di condensa riducendo le perdite di calore. Avere finestre ben installate ed efficienti dal punto di vista energetico aiuterà a mantenere una temperatura elevata all’interno, che può influenzare notevolmente la formazione di condensa e muffe.

Copy