Press ESC to close

Come lavare i pantaloni senza che si restringano

Cosa c’è di più frustrante che comprare vestiti con gusto e desiderio, solo per vederli restringersi nel lavaggio pochi giorni dopo? Una vera tortura, non è vero? Eppure il fenomeno è molto diffuso. Qualche errore fatale e i tuoi maglioni, felpe e soprattutto i pantaloni saranno di una taglia più piccola. Impossibile indossarli in questo stato, ovviamente. Non si tratta nemmeno di liberarsene!

Riveleremo alcune soluzioni per prevenire il disastro. Ma la prima cosa da fare, che generalmente la maggioranza trascura: seguire le istruzioni di lavaggio. Conosci quella famosa etichetta che si nasconde dentro i tuoi pantaloni. Sì, sì, lo stesso che tendi a tagliare con le forbici senza nemmeno guardarlo. Tuttavia è lei comunque a darti i massimi consigli sul modo ottimale di lavare i tuoi pantaloni: lavaggio in lavatrice o a mano, tessuto normale o delicato, temperatura, asciugatura… Ovviamente, senza tutte queste informazioni, rischi inevitabilmente di commettere errori. !

Perché i pantaloni si restringono in lavatrice e quali sono i metodi migliori da adottare per evitare questo inconveniente? Scopri tutti i nostri consigli utili per preservare i tuoi pezzi preferiti.

Programma lavatrice

Il tipo di lavaggio

Come tutti sappiamo, la tipologia di lavaggio è fondamentale. Le lavatrici moderne dispongono di programmi di lavaggio adatti a diversi tessuti, compreso il cotone. Optate quindi per un lavaggio delicato.

Attenzione: evitare di utilizzare grandi quantità di detersivo che potrebbe penetrare nelle fibre e indurirle facilmente. Opta sempre per un ammorbidente naturale!

Il tessuto dei pantaloni

Le etichette di lavaggio forniscono informazioni sulle fibre di cui è composto il capo. Se vedi che la maggior parte di essi sono sintetici, ci sono meno possibilità che si rimpiccioliscano. D’altra parte, quando la percentuale di cotone supera il 60%, questo tessuto rischia di restringersi a contatto con l’acqua, allo stesso modo della seta o della lana.

Quindi puoi già ottenere una prima risposta vedendo l’etichetta prima ancora di acquistare i pantaloni.

Stendere i panni

umidità

L’umidità, come ben sai,  è la nemica numero 1 dell’abbigliamento per tanti motivi diversi . Tra i vari motivi per cui è opportuno evitare l’umidità c’è anche il fattore del restringimento delle fibre di lana, cotone e seta.

Quindi dovresti lavare i pantaloni solo se hai la possibilità di appenderli all’aria aperta. Puoi anche installarli in una stanza con un deumidificatore elettronico o utilizzare trucchi naturali.

Attenzione alle fonti di calore che possono anche far restringere gli indumenti: è meglio quindi non posizionarli vicino a termosifoni o fornelli.

Temperatura

La temperatura è un elemento cruciale che determina il restringimento dei pantaloni. Un ciclo di lavaggio ad alta temperatura mette a dura prova le fibre di cotone, che tenderanno quindi a restringersi.

Etichetta di lavaggio

Come lavare i pantaloni senza che si restringano?

Dopo aver visto le principali cause del restringimento dei pantaloni in lavatrice, ecco alcuni consigli per risolverli:

  • Non lavare i vestiti troppo spesso: non è una scusa per lo sporco, ti chiediamo solo di fare attenzione quando indossi i pantaloni per evitare di doverli lavare più volte. Perché proprio una pulizia troppo frequente, o addirittura eccessiva, rischia di innescare un ritiro più rapido.
  • Controlla che tempo fa prima di metterli in lavatrice: come abbiamo detto, l’ideale sarebbe farli asciugare all’aria aperta. Inoltre, è meglio evitare i giorni di pioggia. Una rapida occhiata alle previsioni del tempo ti permetterà di agire di conseguenza.
  • Leggi sempre le etichette di lavaggio.
  • Usa un ammorbidente naturale: puoi usare acido citrico, aceto o limone.

Perché scegliere un ammorbidente fatto in casa? Perché è un’ottima alternativa ai prodotti industriali che generalmente contengono allergeni tossici per la pelle e che possono intasare la lavatrice. Per non parlare del fatto che sono piuttosto costosi! Quindi, già che ci siamo, alcuni ingredienti naturali e biodegradabili possono fare perfettamente il trucco. In particolare l’acido citrico che si distingue per le sue potenti proprietà anticalcare: non solo disincrosta la lavatrice, ma elimina anche le macchie di ruggine sui tessuti e agisce come un perfetto ammorbidente. Stesso ritornello con l’aceto bianco che addolcisce l’acqua grazie alla sua azione anticalcare. Come il limone, in sostituzione del classico ammorbidente, anche l’aceto può essere utilizzato prima di ogni lavaggio per evitare che i capi diventino ruvidi e si restringano allo stesso tempo. Come bonus, questi ingredienti eliminano tutti i cattivi odori!

Con queste poche soluzioni preventive non dovrai più preoccuparti dei tuoi pantaloni o del bucato in generale. Puoi lavare in lavatrice in tutta tranquillità!

Copy