I tuoi scarichi sono ancora intasati? Che seccatura, non vuoi smontare il sifone o chiamare uno specialista. Calmati, non hai bisogno di niente di tutto questo! Inoltre, non c’è bisogno di investire in prodotti chimici. Tutto ciò che serve è un rimedio casalingo per risolvere questo problema. E probabilmente hai già tutti gli ingredienti in magazzino. Segui la guida!

Come si sbloccano gli scarichi con bicarbonato di sodio e aceto bianco?

Ingredienti

  • Acqua bollente
  • Detersivo per piatti
  • Bicarbonato
  • Aceto bianco distillato
  • Sale

Materiali

  • Barattolo
  • Imbuto
In questo tipo di situazione, puoi sempre contare su questi due alleati: bicarbonato di sodio e aceto bianco. Due detergenti eccezionali con grandi proprietà disinfettanti, antibatteriche e deodoranti. Questo potente duo ha tutte le capacità per sciogliere grasso e depositi minerali. Per rendere lo scarico più fluido ed eliminare cattivi odori e intasamenti, questa è la soluzione ideale!

Cautela

Prestare attenzione per evitare ustioni durante il riscaldamento dell’acqua e il versamento di acqua calda negli scarichi
Prodotti per sbloccare gli scarichi

Passaggio 1: riscaldare l’acqua

Acqua calda in un bollitore
Scaldare l’acqua in un bollitore sul fornello o in un misurino grande nel microonde.

Passaggio 2: versare l’acqua bollente e il detersivo per i piatti nello scarico

Versare il detersivo per piatti
Quindi, versare un po’ di  detersivo per piatti  nello scarico e versare con cura l’acqua bollente. Il sapone aiuterà a sciogliere i depositi di grasso che ostruiscono gli scarichi.

Passaggio 3: versare il bicarbonato di sodio nello scarico

Versare il bicarbonato di sodio nello scarico
Versa una tazza di bicarbonato di sodio nello scarico. Se si preferisce, e soprattutto se lo scarico è stretto, è meglio utilizzare un imbuto per facilitare il processo.

Passaggio 4: continuare versando l’aceto

Versare l'aceto nello scarico
Quindi, versa una tazza di aceto bianco distillato nello scarico. Potrei anche avvertirti, ci sarà una reazione chimica quando i due prodotti entreranno in contatto. Questo è del tutto normale, non preoccuparti. Il bicarbonato di sodio è una sostanza alcalina, mentre l’aceto è un acido acetico delicato. Una volta mescolati, per neutralizzarsi a vicenda, si verifica una reazione frizzante ed è proprio questa reazione che avrà la missione di rimuovere il tappo.

Passaggio 5: risciacquare con altra acqua tiepida

Lasciare in posa per cinque minuti. Nel frattempo, scaldare due tazze d’acqua fino a quando non bolle. Aggiungere quest’acqua bollente per sciacquare lo scarico. Dovrebbe essere molto più fluido ora. Far scorrere acqua calda del rubinetto per rimuovere eventuali detriti di sporco. Pensi che non sia completamente sbloccato? In questo caso, ripetere i passaggi precedenti due o tre volte. Ah certo, se non sei abituato a pulirlo regolarmente, ci vorrà sicuramente un po’ più di tempo. E se, nonostante i tuoi tentativi, il blocco è ancora persistente, il seguente rimedio potrebbe essere più conveniente.

Come si sblocca uno scarico con bicarbonato di sodio e sale?

Ok, quindi se non riesci a staccare la spina, passiamo al metodo del sale e del bicarbonato di sodio. Ma, per un effetto più ottimale, ti consigliamo di farlo la sera prima di dormire, in modo da lasciare che lo scarico si sblocchi completamente.

Passaggio 1: inizia con il bicarbonato di sodio

Versare il bicarbonato di sodio nello scarico
Per prima cosa, versa una tazza di bicarbonato di sodio nello scarico intasato.

Passaggio 2: quindi versare il sale nello scarico

Versare il sale nello scarico
È seguito da mezza tazza di sale. Lascia riposare questa miscela nello scarico per diverse ore o per tutta la notte, preferibilmente per avere maggiori possibilità di riparare l’intasamento.

Passaggio 3: risciacquare con acqua bollente

Come sturare gli scarichi con bicarbonato di sodio e vinaigre_000009
La mattina dopo, fai bollire due tazze d’acqua e versale nello scarico.

Passaggio 4: risciacquare con acqua calda del rubinetto

Sciacquare il rubinetto con acqua
Per verificare se l’intasamento è riparato, sciacquarlo con acqua tiepida del rubinetto. Se notate che continua a bloccarsi, ripetete la stessa operazione o riprovate quella con l’aceto. Ma normalmente, se il problema non è grave, l’ostruzione dovrebbe essere risolta rapidamente. Sfortunatamente, se nessun metodo è conclusivo, implica che il problema è più profondo a livello dei tubi. Sarai quindi costretto a smontare il sifone per sganciare l’intasamento o addirittura a chiamare un aiuto professionale.

Con quale frequenza devono essere puliti gli scarichi?

Che sia quando ti lavi al mattino o quando fai il bagno, non c’è niente di più fastidioso dell’acqua stagnante che si rifiuta di defluire normalmente! Sì, non è mai divertente, ma è un segno che i tuoi scarichi sono intasati. E succede spesso, soprattutto se non pulisci frequentemente gli scarichi. Ti stavi chiedendo quanto spesso dovrebbe essere questa intervista? Detto tra noi, sarebbe meglio farlo una volta alla settimana. Non è scienza missilistica: basta sciacquare gli scarichi intasati con acqua bollente mescolata con un po’ di detersivo per piatti. E, non appena noti che l’acqua si sta scaricando lentamente, pulisci lo scarico con bicarbonato di sodio. È un rimedio affidabile da mantenere nella tua routine di manutenzione! E non preoccuparti di cercare di comprarne altri. Ad esempio, se sei abituato ad utilizzare questa polvere per assorbire i cattivi odori dal frigorifero, invece di buttarla via, puoi usarla per igienizzare lo scarico.

Prevenzione: come prevenire gli scarichi intasati?

Prima di tutto, devi capire che i tuoi scarichi sono spesso messi a dura prova. In cucina, grasso, calcare e residui di cibo ostruiscono rapidamente gli scarichi. E in bagno, i colpevoli non sono altro che i residui di capelli e prodotti che si infiltrano continuamente e rimangono incastrati nel sifone. La soluzione ideale? Bene, uno scolapasta potrebbe essere una buona opzione per trattenere tutti questi parassiti, dalle particelle di cibo ai peli e ai depositi di detersivo. Grazie al suo cestino, impedirà loro di ostruire i tubi e cadere nelle fogne.

I nostri consigli per mantenere sempre pulito uno scarico

Pulire lo scarico del lavandino
  • Non versare mai olio o grasso nello scarico. Quando si cucinano cibi grassi o oleosi, pulire gli utensili con un tovagliolo di carta prima del lavaggio. Se prendi questa buona abitudine, ci sarà meno rischio che questi intasamenti si formino negli scarichi.
  • Non dimenticare di versare regolarmente acqua bollente con un po’ di sapone liquido antigrasso negli scarichi.
  • Opta anche per i metodi consigliati sopra. Saranno sempre utili quando si pulisce e si rinfresca il tritarifiuti.
  • Utilizzare sempre cestelli filtranti sui tubi per evitare l’accumulo di residui di sporco e capelli. Perché più cadono nei tubi, più frequente sarà il blocco.

Domande frequenti

Come fai a sapere se il lavello della cucina o lo scarico della doccia sono intasati?

Se l’acqua defluisce lentamente dal lavello della cucina, dalla doccia, dalla vasca da bagno o dalla toilette, è la prova che gli scarichi sono ostruiti o iniziano a intasarsi.

Con quale frequenza dovresti pulire gli scarichi di casa tua?

Preferibilmente, pulisci gli scarichi una volta alla settimana con acqua bollente e detersivo per piatti. Se noti che l’acqua non defluisce rapidamente, usa il metodo del bicarbonato di sodio per facilitarne lo scarico. Questo prodotto sarà molto utile anche per la manutenzione mensile.

Come evitare che i tubi di scarico si ostruiscano?

Uno scolapasta è ancora l’opzione migliore per evitare che eventuali residui di cibo si accumulino nello scarico. Quindi prendi l’abitudine di non gettare grasso e avanzi di cibo nel lavello della cucina. Stesso principio, nei bagni, lo scolapasta aiuta a trattenere capelli, capelli e sporco nel suo cestino. In questo modo, non cadranno più nelle fogne.
Copy