Press ESC to close

Ecco come piantare un rododendro in casa

Ricoperto di fiori luminosi, meravigliosi per risvegliare letti ombreggiati, questo arbusto sempreverde richiede poca manutenzione, se adeguatamente stabilizzato.

Il periodo autunnale rimane ideale per piantare il rododendro. Alla fine di settembre o all’inizio di ottobre, questo arbusto approfitta delle piogge invernali e attecchisce meglio prima del freddo. Per riuscire nella sua messa a dimora un po’ delicata, necessita di un terreno acido, leggero e ben drenato. Dove installare il tuo rododendro? Questa pianta di erica prospera in un terreno privo di calcare, in un luogo riparato del giardino. Altrimenti potrebbe appassire rapidamente perché le condizioni di crescita non gli sarebbero adatte. L’irrigazione deve essere regolare . Esponi il tuo rododendro a mezz’ombra, su un terreno fresco, ma non umido, morbido e permeabile.

Rododendro – fonte: spm

Precauzioni d’uso

– Scegliete innanzitutto una varietà di rododendro il cui portainnesto si adatti perfettamente a tutte le caratteristiche di esposizione e alla natura del vostro terreno.

– Il fogliame del tuo arbusto deve essere molto verde e non presentare tracce di parassiti o malattie.

– Non dimenticare di immergere la zolla della radice in una bacinella d’acqua un’ora prima di piantare il rododendro.

– Sarchiare e scavare il terreno.

Giardinaggio – fonte: spm

PRENDITI IL TEMPO PER PREPARARE LA TUA TERRA

Su un terreno acido, come quello dell’erica, scavare una buca di dimensioni pari al doppio di quella della zolla radicale in tutte le direzioni. Setacciare la terra estratta dalla buca per eliminare sassi o detriti vegetali. Aggiungi una manciata di polvere di corno tritata alla terra setacciata.

Viale dei rododendri

INSTALLA CORRETTAMENTE IL TUO IMPIANTO

Prenota il terreno estratto. Il terreno deve essere drenato. Nella parte inferiore del foro, allentare il sottofondo. Creare una cupola con la terra setacciata al centro della buca. Posiziona la zolla radicale su questa cupola e fai un movimento rotatorio per appiattirla finché il colletto della pianta non supera leggermente il livello del suolo. Deve sporgere circa 1/5 della zolla radicale, per costringere la pianta a formare più rapidamente radici profonde e per lottare contro la radicazione superficiale che rende le piante più fragili. Chiudi la buca di semina e copri leggermente la parte superiore della zolla, lasciando una leggera pendenza sui lati. Prendetevi il tempo per tamponare delicatamente la superficie del substrato.

CURA E MANUTENZIONE

Ricordarsi di annaffiare regolarmente la pianta per i primi due anni dopo la semina, soprattutto in climi caldi e secchi. Evitare la pacciamatura della pianta durante questi due anni per indurre la formazione di un apparato radicale profondo. Infine, non è necessario concimare l’arbusto prima del terzo anno.

Copy