La notte è il momento migliore per fotografare il cielo. Gli appassionati di astrofotografia, infatti, potranno fotografare alcuni fenomeni astronomici durante questo periodo. Tuttavia, non è raro che debbano affrontare un grosso problema quando provano a catturare immagini della luna e delle stelle: la mancanza di luce. Ecco 3 tecniche da adottare per foto di successo.

Per immortalare la luna o il cielo stellato, devono essere soddisfatte determinate condizioni. I più furbi si preparino in anticipo per ottenere scatti interessanti con, in primo piano, un paesaggio mozzafiato. Non esitano in questo senso, a dare un tocco artistico alle loro foto scegliendo le giuste impostazioni e gli strumenti migliori per il ritocco finale.

Come scattare buone foto della luna e delle stelle?

Non devi essere un professionista della fotografia per catturare  scatti  di luna e stelle . Tutto quello che devi fare è adottare i gesti giusti e applicare alcune semplici regole di tiro.

  • Scegliere il materiale giusto per le tue foto di luna e stelle

Fotografo con lampada frontale e treppiede

logo pinterest

Fotografo con lampada frontale e treppiede. Fonte: spm

La primissima cosa da fare è scegliere la data migliore tenendo conto del meteo e del calendario lunare. Questo controllerà se il cielo è sereno prima di scegliere la posizione migliore per lo scatto. Non esitate a portare vestiti caldi e ricaricare la batteria del telefono. Equipaggiati con un treppiede che può essere inclinato verso l’alto senza dimenticare l’autoscatto che eviterà il movimento della fotocamera durante lo scatto di una foto. Una lampada frontale rossa può essere molto utile anche al buio. Si noti che tutti i tipi di telecamere possono catturare il cielo notturno. Tuttavia,  è consigliabile privilegiare fotocamere ibride che abbiano un’elevata sensibilità ISO e un obiettivo con una lunghezza focale uguale o inferiore a 35 mm. Se utilizzi uno smartphone, controlla se può essere impostato in modalità “Pro”. Altrimenti è possibile scaricare delle applicazioni, Prime per iOS o ProCam X per Android, che permettono di fotografare in modalità manuale. Alcuni telefoni recenti come il Samsung Galaxy S22 Ultra o il Google Pixel 6 Pro hanno persino una modalità di astrofotografia integrata.

  • Rispetta un tempo di esposizione per scattare foto più precise delle stelle

Scattare con uno smartphone

logo pinterest

Scattare con uno smartphone. Fonte: spm

La maggior parte degli smartphone  e delle fotocamere ti consente di scattare lunghe esposizioni, ovvero scatti per diversi secondi. Questo passaggio sarà fondamentale per rivelare le piccolissime stelle quasi invisibili ad occhio nudo. Il principio è semplice:  premendo il pulsante di scatto, l’otturatore della fotocamera rimarrà aperto per alcuni secondi in modo da catturare quanta più luce possibile  al  momento dello scatto. Posiziona prima la fotocamera sul treppiede e poi disattiva la stabilizzazione ottica della fotocamera. Quindi accedere all’impostazione del tempo di esposizione sulla fotocamera o accedendo alla modalità “Pro” dello smartphone. Come regola generale, non dovresti superare i 20 secondi di esposizione per fotografare le stelle. Pertanto, la regola dei 500 deve essere rispettata. Questa è la seguente formula matematica utilizzata dagli astrofotografi per determinare il tempo di esposizione: 500 / lunghezza focale utilizzata in mm = tempo di esposizione. Quindi se la lente utilizzata è 24 mm, la formula sarà quindi: 500 / 24 (mm) = 20,8 secondi.

  • Regola le impostazioni ISO per foto di luna e stelle di successo

Impostazioni della fotocamera

logo pinterest

Impostazioni della fotocamera. Fonte: spm

La giusta scelta del tempo di esposizione dipende dalle impostazioni ISO ma anche dall’apertura del diaframma. Questi due parametri permettono di catturare più luce e quindi di ridurre il tempo di esposizione.  Quando gli ISO sono alti, il rumore digitale sarà significativo, il che può influire sulla qualità della foto. Analogamente, maggiore è l’apertura, minore sarà la nitidezza dell’immagine. Si consiglia quindi di adottare un valore minimo di 1600 ISO e lasciare l’obiettivo a f/2 of/2.8, a patto di beneficiare di un grandangolo e che la fotocamera sia in grado di aumentare efficacemente la sua sensibilità. Si noti che questi valori possono variare a seconda dei modelli di fotocamera e delle loro prestazioni. È quindi necessario trovare il miglior equilibrio tra ISO elevati e riduzione del rumore digitale.

Alcune impostazioni sono essenziali per ridurre l’inquinamento luminoso e ottenere foto del cielo notturno di successo. Per ottenere una brillante via lattea, non dimenticare  di apportare alcuni  ritocchi finali alle tue foto regolando la luminosità, il bilanciamento del bianco e l’intensità del colore attraverso l’uso di software come DxO Optics Pro e Lightroom.

Copy