La patata è probabilmente l’alimento più consumato al mondo. Può essere declinato e inventato in mille e uno modi. Ma molte persone ti diranno: le patatine fritte mantengono il primo posto nelle migliori preferenze. A priori, sembrano facili da preparare. Tagliati a bastoncini, sono immersi in un bagno d’olio, e voilà. Sì, è un po’ semplicistico. Perché, proprio per evitare che siano troppo oleosi, morbidi o addirittura bruciati, ci sono regole specifiche da seguire come sottolinea Damien Desmarchelier, chef del sud-ovest. E questo, ancor prima di buttarli nella padella. Vuoi conoscere il segreto degli chef per preparare gustose patatine fritte dorate e croccanti a casa? È così.

Porzione di patatine fritte croccanti

Regole d’oro per preparare patatine fritte a casa

Quando vuoi gustare delle buone patatine fritte, vuoi soprattutto che siano morbide all’interno e croccanti all’esterno. Non vogliamo che si sbriciolino nella padella. E, per quanto sorprendente possa sembrare, nonostante l’aumento delle padelle antiaderenti, molte persone ritengono che le padelle convenzionali siano più adatte per friggere le patate. Quindi, per preparare una porzione di patatine fritte croccanti con un aspetto piacevole, è necessario tenere a mente alcune regole d’oro.

Prima regola importante: scegli il tipo di patate con molta attenzione. Secondo i cuochi esperti, le patate farinose con polpa gialla sono le più adatte per friggere. È quindi necessario sbucciarli correttamente e tagliarli secondo le proprie preferenze.

Leggi anche: Non buttare più via le bucce di mela: ecco 5 modi intelligenti per usarle

Un’altra regola fondamentale: lavare i bastoncini di patate in più acque per rimuovere il più possibile l’amido che contengono. Quindi, mettili su un tovagliolo di carta in modo che assorba ogni goccia d’acqua.

Allora, qual è questo famoso segreto per avere deliziose patatine fritte? Basta cospargere circa tre cucchiaini di sale sulla padella e lasciarlo riscaldare in questo modo per 5 minuti. Mescolare con il manico dell’utensile per coprire tutto il fondo. È questa leggera abrasione che impedirà alle patate di attaccarsi alla padella durante la frittura. Questo trucco viene utilizzato anche quando si desidera friggere cotolette o bistecche. Il sale viene quindi rimosso con un tovagliolo di carta. Ricorda anche di pulire bene la padella con un panno asciutto.

Patate fritte

Come friggere buone patatine fritte croccanti?

Dopo aver eseguito questa ingegnosa operazione, l’olio deve ora essere versato. Dategli il tempo di riscaldarsi bene prima di immergervi le patatine fritte. Questo non è il riflesso di tutti, ma alcuni consigliano di coprire la padella per aiutare con la frittura. Altrimenti, alcuni bastoncini di patatine fritte potrebbero rimanere crudi.

Leggi anche: Addio cattivi odori dai tubi, bastano 2 cucchiai: l’ingrediente è in cucina

Friggere le patate  prima a fuoco medio, quindi aumentare gradualmente la fiamma per renderle croccanti. È meglio usare una spatola di legno per girare le patatine fritte. Se volete che si sciolgano all’interno e croccanti all’esterno, la cottura in due passaggi è fondamentale: fate quindi una prima immersione per 7 minuti a fuoco medio (160°C). Scolateli e immergeteli nuovamente per 2 o 3 minuti, aumentando la potenza del fuoco (180°C). Questa seconda frittura porterà proprio lo scricchiolio e il dolore dorato delle patatine fritte.

Buono a sapersi: in modo che le patatine fritte non si attacchino insieme, immergerle in piccole quantità nella padella. Non dimenticare di mescolarli di tanto in tanto. Il sale e le altre spezie vengono poi cosparsi subito dopo la cottura. Fai attenzione, il sale può ammorbidire rapidamente le patate se aggiunto nel mezzo della loro preparazione.

Leggi anche: Come conoscere la password della rete Wifi del mio router per connettermi ad essa?

Copy