Chi non ha l’istinto di scolare il tonno e versare il suo olio nel lavandino? Solo i più informati prestano attenzione a questo gesto dannoso. Che lo si faccia consapevolmente o meno, eliminare l’olio in scatola dal tonno è una pratica che causa numerosi danni e dovrebbe essere evitata a tutti i costi. Spieghiamo perché…

Il tonno in scatola aggiunge un tocco di sapore mediterraneo alle vostre insalate, piatti e panini. È apprezzato da grandi e piccini. Tuttavia, se hai l’abitudine di buttare l’olio di tonno nel lavandino, sappi che stai facendo qualcosa di stupido.  È una pratica che si fa in un batter d’occhio e ha conseguenze dannose . Il problema c’è, seguiranno consigli e alternative eco-responsabili per illuminarvi riguardo questa azione.

Perché non buttare l’olio di tonno in scatola nel lavandino?

Il gustoso tonno in scatola salva i piatti più urgenti garantendo al tempo stesso la tua dose proteica. Un ottimo compagno per le tue giornate impegnative, prepara in pochi minuti un buon pasto fatto in casa. Il riflesso dietro  questo consumo rapido ti spinge spesso, se non sempre, a smaltire l’olio di tonno in scatola nel lavandino proprio come sei abituato a fare con tutti i liquidi indesiderati. Vi diremo perché  questa pratica deve essere bandita dalle vostre azioni in cucina …

Il tonno è un alimento base della dispensa, tranne per il fatto che il suo olio causa problemi. La particolarità di quest’ultimo è che è simile al comune olio da cucina:  non riciclabile e inquinante .

A contatto con l’acqua, questo olio tende a congelare e ad intasare il tubo.  Il tuo sistema igienico-sanitario si blocca e  ti costringe a utilizzare sostanze chimiche dannose per sbloccare i tubi . Ti risparmiamo l’incubo dei  cattivi odori  del lavello intasato della tua cucina e della pozza d’acqua che si forma nel lavabo… Sì, parliamo con cognizione di causa.

Dove smaltire l’olio di tonno in scatola?

Olio di tonno in scatola. fonte: sp

 

La conservazione degli alimenti, come ad esempio il tonno, avviene aggiungendo  un olio grasso che non deve finire né nel lavandino né nella spazzatura . Inoltre, tutti gli oli che consumiamo in cucina vengono smaltiti nei centri di raccolta per essere sottoposti a trattamenti specifici, utilizzando i migliori processi e dai migliori esperti. Dove dovresti sbarazzartene?

In genere si consiglia di  versarlo in una bottiglia con gli altri oli da cucina che si desidera liquefare . Sai, allo stesso tempo, che consumi solo 1/4 dei tuoi oli da cucina mentre 3/4 devono essere rilasciati proprio come l’olio per friggere?

In generale, il riflesso è lo stesso:  devi inviare tutti questi oli a un centro di raccolta specializzato . Piccole quantità di olio vengono versate in una  bottiglia ben sigillata  prima di essere mescolate con altri tipi di rifiuti domestici. Fare ? Complimenti, hai contribuito a  proteggere il tuo ambiente  !

Cosa fare con l’olio di tonno in scatola?

Ricco di Omega 3  e di acidi benefici per la salute, il tonno in scatola è un alimento famoso in tutto il mondo. Ma che dire delle ricette che potete esaltare con il suo olio, che ricorda fortemente il sapore dei frutti di mare? È un consiglio in cucina che solo le dita di uno chef conoscono…

Nella vostra insalata Fisherman o Caesar, nelle vostre patate arrosto, nella vostra paella o nei vostri gratin di pesce,  un piccolo filo di questo olio darà ai vostri piatti un delizioso e particolare sapore mediterraneo.  Invece di condire i tuoi piatti con olio di semi di girasole, usa questo olio quando apri la scatoletta di tonno. Tutti adoreranno questo ingrediente segreto!

Un consiglio bonus della nonna:  aggiungete mezzo cucchiaino di questo olio al tonno all’impasto della vostra pizza e soprattutto non ditelo a nessuno! Intelligente, vero? Ma non dovresti abusarne…

Ora sai come trattare l’olio di tonno in scatola per renderlo più ecologico e delizioso. Le giuste azioni da adottare per essere eco-responsabili e bravi chef sono fantastici!

Copy