Mantenere il tuo giardino non è un compito così semplice come potresti pensare. Ci vuole molto tempo, pazienza e buona volontà. Soprattutto, è necessario fornire le cure più adeguate per preservare le colture. Soprattutto sapendo che i cambiamenti di temperatura hanno un impatto definito sulle piante: fiori, alberi e arbusti devono essere annaffiati regolarmente a rischio di seccarsi. Anche il prato deve essere idratato. Tuttavia, molti tendono a trascurarlo. Scopri questo semplice consiglio che ti aiuterà a prendertene cura meglio.

 

Cosa c’è di più triste dello spettacolo di un prato secco e ingiallito? Nel corso del tempo, se non gli dai le giuste cure e la giusta quantità di acqua, l’erba verde rigogliosa finisce per appannarsi, seccarsi e morire. Ma quanto spesso dovrebbe essere annaffiato e perché spingere un cacciavite nel terreno? Vi diciamo tutto.

Il tuo prato è asciutto? L’idratazione è essenziale!

Toccare il prato con la mano

Mantenere correttamente il tuo prato significa prima di tutto soddisfare i tuoi bisogni primari. L’irrigazione è una di queste. Come puoi immaginare, l’estate ha sicuramente devastato il suo cammino: dopo le lunghe giornate calde e soleggiate, il tuo prato è ora ingiallito e asciutto. Questo è il momento di dargli un’intervista particolare e attenta.

Leggi anche: Come piantare mandarini da un seme?

Primo passo: è necessario falciarlo correttamente. Getta una rete larga e rimuovi eventuali steli morti e lo strato superiore che creano. Essere consapevoli del fatto che le erbe secche ostacolano la penetrazione dell’acqua nelle radici, che porta alla decomposizione e allo sviluppo di malattie fungine. Ecco perché è essenziale scarificare il prato: l’aria e l’acqua raggiungeranno il suolo ancora più velocemente, il che aiuterà a pulire a fondo la superficie degli steli morti.

Secondo passo: quindi innaffiare abbondantemente l’erba fino a quando l’acqua si infiltra negli strati profondi della terra. Successivamente, sarà necessario ridurre la frequenza di irrigazione. Soprattutto in inverno, quando piove spesso. Tuttavia, è importante falciare regolarmente il prato per promuovere una crescita più verde e rigogliosa. Non dimenticare di tirare le erbacce non appena appaiono.

Dopo tre o quattro settimane, le erbe inizieranno a crescere. Ricorda di non concimarli in estate. È solo intorno a settembre che sarai in grado di considerarlo. Ma attenzione, ricorda che un prato asciutto è più frequentemente attaccato dalle erbacce.  Pertanto, dall’inizio della primavera, è necessario assicurarsi di rimuoverli regolarmente.

Testa le condizioni del tuo prato con un cacciavite

Giardino della casa

Passiamo ora al nostro famoso trucco: si tratta principalmente di un mezzo di prevenzione o meglio di anticipazione. In effetti, prima che sia troppo tardi e il tuo prato subisca danni significativi, sarebbe più saggio adottare alcune misure per evitare che ciò accada.

Leggi anche: Attualmente è il momento ideale per seminare queste 10 piante che profumeranno il giardino in inverno

È quindi indispensabile controllare regolarmente le condizioni dell’erba nel tuo giardino, per essere sicuri che sia sufficientemente idratata e ben ventilata. Per essere sicuri, Laurent Guervenec, esperto di giardinaggio, consiglia di utilizzare un metodo semplice e veloce che richiede solo un normale cacciavite.

Come procedere con questo “test del cacciavite”? Spingilo a mano nel terreno del tuo prato. Se scivola facilmente fino a 15-17 centimetri di profondità, è perfetto. Questo dimostra che il tuo prato è adeguatamente irrigato e ben idratato. Se, al contrario, senti resistenza o blocco, allora il pavimento è troppo duro e compatto. Ciò significa che manca di aerazione e umidità. Devi annaffiarlo di più.

Leggi anche:Perché è importante piantare bottiglie di plastica in giardino a ottobre?

Copy