Da uno studio è emerso che le spugne per lavare i piatti ospitano tanti batteri quanto una tazza del water. Tuttavia, pulirli è ancora più rischioso. Scopri perché e come dovresti proteggerti da questo fenomeno quotidiano.

Le spugne per i piatti possono rappresentare un rischio per la salute perché al loro interno tendono a nascondersi batteri e germi. Sebbene rimuovano lo sporco e i residui di cibo rimasti su piatti e stoviglie, comportano il rischio di assorbire agenti infettivi.

E per una buona ragione, lo sporco e l’umidità creano un ambiente favorevole alla proliferazione dei batteri.

Spugna per piatti

 

Spugne per piatti, terreno fertile per i batteri

La spugna  per i piatti  è infatti uno degli oggetti più sporchi che si possano trovare in casa. Questo oggetto è formato da numerosi fori che facilitano l’assorbimento di liquidi e residui.

Se una spugna rimane bagnata, nuovi batteri possono svilupparsi ogni 20 minuti.

Gli scienziati sconsigliano qualsiasi tentativo di pulire questi oggetti domestici.

Molte persone pensano che lavare in acqua bollente distrugga i batteri presenti nelle spugne per i piatti, ma in realtà ha l’effetto opposto.

Un team di ricercatori dell’Università di Furtwangen, in Germania, ha testato diverse opzioni di pulizia nel tentativo di rendere le spugne per la pulizia prive di batteri. Hanno provato a mettere la spugna nel microonde, a bollirla, a disinfettarla, a immergerla nell’aceto bianco, a metterla in lavastoviglie e a gettarla in lavatrice insieme al bucato.

Risultato: alcuni batteri vengono neutralizzati ma solo i più deboli. I più forti di questi microrganismi sopravvivono e, se quelli più deboli muoiono, si crea solo ancora più spazio per la proliferazione dei batteri forti.

I ricercatori dell’Università di Furtwangen hanno identificato ben 362 batteri diversi nelle spugne detergenti utilizzate. Hanno anche trovato 82 miliardi di batteri in un singolo centimetro cubo di spugna.

Spugna per piatti

 

Da dove vengono i batteri della spugna?

I batteri presenti nella spugna provengono principalmente dal cibo, dalle superfici della cucina o dal contatto con la pelle. Grazie al suo ambiente caldo e umido e al suo spazio pieno di residui di cibo, la spugna crea le condizioni perfette per la vita dei batteri.

Sebbene il fungo sia un vero batterio, gli scienziati devono ancora trovare batteri pericolosi.

Tuttavia, nelle spugne per i piatti è stato trovato in particolare un batterio. Appartiene alla cosiddetta famiglia delle Moraxellaceae, che può causare infezioni se il sistema immunitario è indebolito. Questi ultimi possono conferire alle spugne per la pulizia un cattivo odore. Ecco perché dovresti gettare immediatamente la spugna se ha un cattivo odore.

Consigli degli esperti

Gli scienziati consigliano di buttare via le spugne per lavare i piatti e di utilizzare un altro mezzo di pulizia. Se non puoi fare a meno della spugna, cambiala almeno una volta alla settimana. Ricordatevi di sciacquare la spugna e di lasciarla asciugare dopo ogni lavaggio in modo che i batteri non proliferino.

Puoi anche far bollire la spugna per la pulizia ed evitare di usarla in aree popolate da batteri come la cucina. Utilizzare invece, ad esempio, le spugne pulite in bagno.

Copy