Il salmone è un’ottima fonte di proteine, omega-3, vitamina B, calcio e antiossidanti. Ma, al di là della sua ricchezza nutrizionale, questo pesce ha un sapore unico che delizia le nostre papille gustative. Per stupire i tuoi ospiti, non c’è niente come un delizioso filetto di salmone al forno, che si scioglie all’interno e croccante all’esterno. È ancora necessario sapere come cuocerlo senza commettere errori. Per prepararlo alla perfezione, e riuscire a cucinarlo come al ristorante, ci sono dell’oro da seguire da vicino. Scoprili!

 

Fette di salmone

Quanto tempo ci vuole per cuocere il salmone al forno?

Un condimento ben congegnato: origano, aglio, limone, un filo d’olio, un po’ di sale e pepe. E questo è tutto! Accompagnato da riso, pasta, verdure croccanti o una semplice insalata fresca, se ben preparato, il salmone può diventare rapidamente un piatto estremamente gustoso e soprattutto molto salutare.

Ma per ottenere un tale risultato, è necessario prendere in considerazione alcuni saggi consigli.

Leggi anche: Il trucco dei ristoranti per scongelare il pane: risultato caldo e croccante in 5 minuti

  • Prima di tutto, al momento dell’acquisto, è fondamentale scegliere il pezzo di salmone perfetto. Scegli il salmone d’allevamento con un’etichetta rossa. Soprattutto, assicurati della sua freschezza e qualità: quando il salmone è molto fresco, non ha un forte odore di “pesce” che può respingerti, né macchie marroni sulla sua carne. La sua pelle non dovrebbe essere secca, ma piuttosto umida, e le sue squame dovrebbero apparire lucide. Infine, optare per un salmone arancione, il suo gusto sarà ancora migliore.
  • Si consiglia di acquistare salmone fresco. Se lo acquisti congelato, assicurati che il pacchetto sia sigillato e non strappato da nessuna parte. Leggere sempre l’etichetta per assicurarsi che sia fresca ed evitare prodotti contenenti coloranti.
  • Quando si tratta di una corretta cottura, il tempo dipende da diversi fattori, tra cui lo spessore del pavé di salmone, le sue dimensioni, il peso e la temperatura utilizzata all’interno del forno. Come regola generale, occorrono circa 10 minuti per un filetto di 2,5 cm di spessore e deve essere cotto ad una temperatura mite di 180 ° C. Alcuni consigliano di lasciare da 4 a 6 minuti di cottura per ogni centimetro di spessore. Attenzione: se sulla superficie del salmone iniziano a comparire macchie bianche di grasso, significa che il tempo di cottura è stato troppo lungo. Come misura precauzionale, è meglio controllare di volta in volta utilizzando un intervallo.

N.B : naturellement, vous pouvez assaisonner le saumon selon vos goûts. Certains préfèrent l’origan, mais vous pouvez parfaitement le remplacer par une autre herbe aromatique, à l’instar du thym, de l’oseille, de l’aneth ou de la ciboulette.

Cuocere il salmone al forno

Ecco una deliziosa ricetta per il salmone al forno

Ingredienti:

  • Alcuni filetti di salmone fresco
  • Olio d’oliva
  • Sale
  • Pepe
  • Aglio tritato
  • Spezie ed erbe fresche, secondo i vostri gusti
  • Limone

Metodo di preparazione:

  • Preriscaldare il forno a 180°C.
  • Foderare la teglia con carta da forno (o optare per una pirofila).
  • Disporre i filetti di salmone sul lato della pelle e condire abbastanza sale e pepe.
  • In una ciotola, mescolare un filo d’olio d’oliva con l’aglio tritato e il succo di mezzo limone. Mescolare bene e aggiungere spezie ed erbe aromatiche in base alle proprie preferenze.
  • Ungere i filetti di salmone con la miscela risultante, sia sulla parte superiore che sui lati.
  • Tagliare il restante mezzo limone a fettine sottili e disporle su ogni fetta di salmone.
  • Mettere la teglia nel forno.

N.B: Una temperatura di 180°C è ideale per la cottura di filetti di salmone o pavé. Da dieci a quindici minuti sono sufficienti per una cottura perfetta. Ma ricordati di tenerlo sempre d’occhio, poiché la cottura è solitamente variabile a seconda del peso, delle dimensioni e dello spessore del salmone.

Leggi anche: Come preparare le uova strapazzate cremose? Un ingrediente segreto fa la differenza

Dopo aver rimosso il salmone dal forno, puoi condirlo con timo o aneto fresco, a seconda dei tuoi gusti. Per quanto riguarda l’accompagnamento, non mancano le scelte: fagiolini saltati in burro e aglio, riso basmati bollito o risotto, tagliatelle fresche, patate saltate, gratin di verdure o semplicemente un’insalata verde se siete a dieta. Buon appetito!

Leggi anche:  Non buttate via gli avanzi del pranzo di Natale, ecco come riutilizzarli tutta la settimana: è delizioso:

Copy