Press ESC to close

Si possono mettere le stoviglie ancora calde nel frigorifero?

Spesso, in cucina, commettiamo errori ricorrenti di cui non ci rendiamo nemmeno conto. Il più comune è il seguente: mettere nel frigorifero cibi o stoviglie ancora molto caldi. Forse non ne sei consapevole, ma questa azione che ti sembra innocua può essere dannosa, sia per il tuo cibo che per il tuo frigorifero. Siamo d’accordo, proprio come te, siamo contro gli sprechi. Non si tratta di buttare via il cibo. Gli avanzi dei pasti o un piatto appena consumato devono necessariamente trovare il loro posto nel frigorifero, altrimenti si deteriorano. Ma devi comunque seguire alcune regole comuni. Il frigorifero non è un contenitore che conserva il cibo in tutti i suoi stati. Ecco perché è necessario cambiare alcune cattive abitudini.

Probabilmente hai sentito dire che dovresti sempre evitare di mettere cibi caldi nel frigorifero. No, non si tratta di un semplice preconcetto o di una voce infondata. Una pentola di zuppa calda o un piatto mangiato a metà e ancora caldo dovrebbero sempre restare per un po’ sul bancone della cucina, a temperatura ambiente, mentre si raffredda. Problema di salute e sicurezza. Tale azione, infatti, eviterà molti disagi. Molti però si chiedono ancora se sia davvero utile aspettare che il cibo si raffreddi prima di metterlo in frigorifero. Se sei scettico, ti forniamo maggiori dettagli in questo articolo. Forse questo ti convincerà una volta per tutte!

Puoi mettere il cibo caldo nel frigorifero?

Cibo nel frigorifero

Innanzitutto bisogna spiegare il contesto: cosa accadrebbe se mettessimo cibi caldi o liquidi, appena tolti dal fuoco, direttamente nel frigorifero? Innanzitutto, il loro valore nutrizionale diminuirà in modo significativo. Quindi il dispositivo stesso dovrà lavorare più intensamente, perché percepirà una fonte di calore all’interno e sarà costretto a raddoppiare gli sforzi per mantenere la temperatura fredda, il che può portare a un guasto.

Inoltre, posizionare gli alimenti caldi nel frigorifero crea le condizioni ideali per la crescita di batteri, come la Salmonella, che potrebbero trasferirsi al resto del cibo all’interno dell’elettrodomestico e contaminarlo. Alcuni alimenti deperibili, come uova, carne, verdure o pesce, sono i più vulnerabili. Per questo motivo è fondamentale lasciare raffreddare il cibo a temperatura ambiente prima di riporlo nel frigorifero.

E un piatto ancora caldo può stare in frigo? 

Metti i pasti preparati in frigorifero

Il tema dei cibi caldi nel frigorifero è ormai assodato. Ma che dire dei piatti ancora un po’ caldi che tornano dalla sala? Di solito, tutti questi avanzi finiscono nel frigorifero. Molte persone hanno il riflesso automatico di mettere queste stoviglie direttamente nell’elettrodomestico, convinte che la loro tiepidezza sia innocua. Hanno ragione? In un certo senso sì. È infatti possibile riporre gli avanzi del pasto purché siano caldi, ma a determinate condizioni che menzioneremo di seguito.

Dividete i vostri piatti in piccole porzioni

Alimenti

Se avete cucinato molto cibo e non si è ancora completamente raffreddato, dividetelo in più piccoli contenitori o barattoli. Gli alimenti confezionati in questo modo possono essere refrigerati in modo sicuro. Nota: meno cibo si trova nel contenitore, meglio è, poiché si raffredderà più rapidamente.

Non più di 2 ore fuori dal frigorifero!

Frigo

Ricorda che gli alimenti esposti ad alte temperature diventano sensibili ai batteri già due ore dopo la fine della cottura! Questo è uno dei motivi per cui è opportuno mettere nel  frigorifero anche i cibi leggermente caldi . Se li lasci sul bancone, rischi un’intossicazione alimentare.

Buono a sapersi  : alcuni alimenti lasciati ad alta temperatura devono essere refrigerati entro un’ora. È il caso, ad esempio, delle grigliate estive, quando fuori fa molto caldo.

Copy